Punta Ristola e Punta Meliso, i due promontori di Leuca

Veduta aerea di Leuca tra Punta Ristola e Punta Meliso
Veduta aerea di Leuca tra Punta Ristola e Punta Meliso

La leggendaria baia di Leuca tra le braccia di Punta Ristola e Punta Meliso

Punta Ristola e Punta Meliso sono i due promontori che racchiudono la  baia di Santa Maria di Leuca. Sono due penisole rocciose che protendono verso il mare quasi a voler proteggere l’approdo che da millenni accoglie i naviganti sulle rotte del Mediterraneo.

Siamo nel luogo che gli antichi romani definivano  “de finibus terrae” per identificare geograficamente l’estremo limite della Roma dei Cives, oltre il quale i sudditi dell’impero erano i provinciales.

La particolare conformazione naturale e la perfetta esposizione al sole, hanno da sempre affascinato chiunque fosse approdato su queste rocce, alimentando miti e leggende. Ancora oggi, il visitatore che arriva a Santa Maria di Leuca può scorgere tra le onde e la spuma del mare tutta la bellezza della bianca sirena Leucasia. E, se volge lo sguardo verso Punta Ristola e punta Meliso, non può non pensare alla bella sirena Aristula ed il suo amato Melisso. Una leggenda infatti, lega il nome di Leuca a quello della sirena Leucasia.

Statua della Sirena Leucasia  a Punta Ristola Leuca
Statua della Sirena Leucasia a Punta Ristola Leuca

Dove si trova Punta Ristola a Marina di Leuca?

Veduta area di Punta Ristola a Marina di Leuca
Veduta area di Punta Ristola a Marina di Leuca

Punta Ristola è il promontorio che protende verso Ovest, direzione Gallipoli. E’ il primo belvedere che si incontra venendo a Marina di Leuca da Torre Vado-Gallipoli.

La recente ristrutturazione ha regalato a tutti uno splendido lungomare con una vista spettacolare sul mare, sulla scogliera e sul panorama della bella Leuca.  Oltre alla bellezza del paesaggio, a dominare la scena ci sono le imponenti sculture in pietra leccese opera dell’artista Mario Calcagnile.

Sculture sul belvedere di Punta Ristola a Santa Maria di Leuca
Sculture sul belvedere di Punta Ristola a Santa Maria di Leuca

Tra le opere più suggestive il Trittico della Trascendenza, un gruppo scultoreo che rappresenta: la nuotatrice dei due mari, l’angelo del Meliso e Leucasia.

Leggi anche:  Feste e tradizioni, ferragosto a Santa Maria di Leuca

Inoltre, ai piedi di Punta Ristola, si trovano i resti archeologici di Grotta Porcinara, un antico luogo di culto prima Messapico, in seguito Greco e Romano.

Nel suo interno le iscrizioni in diverse lingue sono i ringraziamenti o la richiesta di protezione agli dei. 

Non è un caso che proprio in questo luogo la tradizione vuole che sia arrivato anche l’Apostolo Pietro, dando inizio l’evangelizzazione in tutto l’ Occidente.

Da Punta Ristola si scorgono bene anche le Tre Porte, il sito più fotografato di Leuca dove le onde si infrangono in modo spettacolare.

E poi ancora, Grotta del Diavolo, famosa per la sua profondità e per i reperti in essa trovati. Queste e altre grotte rientrano nel programma di una normale escursione in barca sulla costa di Ponente a Leuca.

Come sono i fondali a Punta Ristola?

Panchina sul belvedere di Punta Ristola a Marina di Leuca
Panchina sul belvedere di Punta Ristola a Marina di Leuca

I fondali marini nell’area di Punta Ristola a Santa Maria di Leuca sono particolarmente conosciuti per la loro bellezza e pescosità. Si tratta di fondali ricchi di molte specie ittiche e sono l’ideale per praticare lo snorkeling.

Inoltre, a circa 85 m di profondità, si trova il sommergibile italiano Pietro Micca 2, affondato durante la Seconda Guerra Mondiale, il 20 agosto 1943.

I resti del Sommergibile furono individuati per la prima volta nel ’94 da L. de Donno e G. Affinito del Centro di Attività Subacquee di Lecce.

Del relitto, che giace ad una distanza di circa 2,5 miglia dalla costa di Punta Ristola, furono realizzati dei filmati con documentario.

Oggi l’intero sito è considerato Sacrario Militare.

Santa Maria di Leuca, Punta Meliso dove si incontrano i due mari

Punta Meliso a Santa Maria di Leuca
Punta Meliso a Santa Maria di Leuca

L’estrema punta ai piedi del promontorio dove si trova la Basilica e si innalza il maestoso faro di Leuca, si chiama Punta Meliso. Una credenza popolare la considera il punto di incontro dei due mari di Leuca, dove le acque profonde dell’Adriatico si abbraccerebbero con quelle dello Ionio.

Leggi anche:  La festa del fuoco a Presicce, riti e tradizioni nel Salento

L’incontro dei due mari a Leuca è una delle tante curiosità che interessano tanto i turisti e viaggiatori che ogni anno affluiscono a Santa Maria di Leuca. Si tratterebbe di un fenomeno ottico secondo il quale le correnti dei due mari rilascerebbero entrambe una tonalità diversa l’una dall’altra contrapponendosi.

Non ci sarebbe niente di scientifico ovviamente. Infatti, per molte carte nautiche, il “confine” tra il mare Adriatico e lo Ionio sarebbe al largo di Punta Palascìa nei pressi di Otranto.

Tuttavia, quello che è certo, il promontorio di Leuca rappresenta ciò che questa terra è sempre stata, il crocevia di popoli, civiltà e culture. Nell’area di Punta Meliso sono venuti alla luce i resti di un antico villaggio fortificato risalente probabilmente al quindicesimo quattordicesimo secolo A.C.. In quel periodo della sua storia la Puglia era abitata da antiche popolazioni provenienti da altri territori.

La comunità che abitava l’antico villaggio in si sarebbe allargata intorno al nucleo originale fino a coprire i terrazzamenti del pianoro mediano della punta.

Dal 2006 l’area di Punta Meliso si trova all’interno di un area protetta, denominata Parco Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase.

Infatti, la Regione Puglia ha istituito il Parco allo scopo di tutelare questa parte di paesaggio ricco di biodiversità e bellezze storiche ed archeologiche.

Punta Meliso è anche al centro del numeroso complesso di grotte tra le più belle di Leuca della Puglia. Qui la costa si apre ripida nella scogliera che si estende ad est e ad ovest di Santa Maria di Leuca.

Veduta aerea di Leuca tra Punta Ristola e Punta Meliso
Veduta aerea di Leuca tra Punta Ristola e Punta Meliso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.