Festa in ore di Santa Maria Di Leuca

Numerose sono le leggende che tra sacro e profano ruotano intorno a Santa Maria di Leuca, dal primo approdo di Enea all’arrivo di Pietro apostolo, il quale, arrivato dalla Palestina, iniziò la sua opera di evangelizzazione, per poi giungere a Roma dove fondò la Chiesa: fu allora che Leuca assunse il suo nome completo di Santa Maria di Leuca.
Tantissime in tutta la diocesi sono le chiese e gli oratori dedicati alla Vergine, per non parlare delle edicole sacre. Ancora oggi, poi, sono visibili su abitazioni private dipinti, ceramiche, terrecotte rappresentanti la Madonna di Leuca. Documentata è pure la presenza di varie confraternite mariane.
Il Ferragosto a Leuca è una giornata speciale: si svolgono i festeggiamenti dal carattere spettacolare in onore della Madonna di Leuca, festeggiamenti dalla forma antica, con la tradizionale processione in mare in onore della Madonna di Leuca che s’ispira al principio della purificazione per mezzo dell’acqua. Barconi stracarichi di fedeli e addobbati a festa trasportano il simulacro, tra ali di folla commossa.

 

 

 

 

 

 

Il culto per la Madonna, a Leuca si è mantenuto vivissimo fin dalla data che ha segnato l’ inizio al culto cristiano sul promontorio japigeo nell’attuale Basilica di Leuca, cioè l’arrivo di San Pietro: in viaggio per Roma fece tappa a Leuca e da allora il tempio dedicato alla dea Minerva, posto sul promontorio japigeo, diventò un luogo di culto cristiano. Maria a Leuca, ha una posizione del tutto singolare nel mistero di Cristo e della Chiesa: è Madre del Figlio di Dio, cooperatrice del Salvatore, tutta santa, modello e madre della Chiesa, vicina con la sua intercessione e con la sua azione alle necessità di tutti gli uomini.
La devozione dei fedeli verso la Madonna di Leuca ha origine antica: si parla di un grande miracolo che avrebbe salvato i pescatori il 13 aprile 365 da una burrasca; duemila anni di storia dimostrano la lode perenne alla Madonna di Leuca: liturgia e devozione popolare, canti e immagini mirabili, rosario e “angelus Domini”, pellegrinaggi e santuari, comunità ecclesiali, congregazioni religiose e correnti di spiritualità, peccatori e santi.
La devozione verso la Madonna di Leuca accende l’entusiasmo delle folle in occasione di presunte apparizioni, e la loro autenticità non può essere negata pregiudizialmente, perché a Leuca la Madonna accompagna il cammino dell’uomo con premura materna.

La chiesa a Leuca (eletta Basilica nel 1990) fu costruita tra il 1720 ed il 1755 da monsignor  Giannelli, per resistere ai numerosi e ripetuti attacchi da parte di invasori turchi e saraceni. L’interno del Santuario presenta sull’altare maggiore il dipinto della Madonna con Bambino (Madonna De Finibus Terrae) di Jacopo Palma il Giovane: la bella e devota Immagine attira la devozione dei fedeli ce accorrono sempre numerosi a pregare ed a supplicare la Madonna che si dimostra sensibile alle richieste con numerose grazie.
E’ da qui che parte la suggestiva processione, nel primo pomeriggio del 15 agosto: le tre porte (Janua Coeli centrale, Esodo  a destra e Stella Maris a sinistra) si aprono, ed esce la statua della Madonna, seguita da centinaia di fedeli.

Nel piazzale antistante la Basilica sorge la Croce monumentale, eretta nel 1901 e che presenta quattro iscrizioni sui lati. Sul viale che conduce alla Basilica tra gli alberi della pineta, si trova la Croce Pietrina costruita a testimonianza del passaggio di San Pietro. Infine molto famosa è la scalinata della cascata monumentale, due rampe di scale ognuna di 300 gradini che collegano il Santuario con il porto vecchio, e nel giorno della festa risultano ancora più suggestive.
E’ in questo piazzale che si avverte la vera devozione verso la Madonna di Leuca: questa devozione non ha niente a che fare con la curiosità, la vana credulità, il miracolismo, il superficiale sentimentalismo e il formalismo delle pratiche esteriori; ma consiste piuttosto nel riconoscere la singolare dignità della Madonna di Leuca, nel rivolgersi a lei con fiducia e amore filiale, nell’imitare le sue virtù.

La bellissima processione in mare, seguita da centinaia di fedeli,  assurge la Madonna di Leuca a modello, non solo rifugio; viene vista dai devoti come una madre che fa crescere verso la maturità e spinge ad affrontare il rischio con fede coraggiosa, libertà e dono di sé, responsabilità e presenza nella storia. Anche per il 2012 sono previsti spettacolari fuochi pirotecnici che celebreranno la fine dei festeggiamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *