La litoranea da Leuca ad Otranto

Se ci si reca in vacanza nel Salento e si sceglie di sostare in una delle bellissime cittadine sul litorale costiero, o per gli amanti del contatto con la natura, nell’entroterra ricco di uliveti e vigneti, e non ci si accontenta della località che si è scelta, si può approfittare di una bella giornata per andare in escursione, di più o meno lunga durata, a seconda della disponibilità di tempo e raggiungere in breve tempo altri luoghi interessanti, dalle città d’arte ai paesini arroccati sulle scogliere, alle belle spiagge dominate dalle torri di avvistamento medievali.

Un itinerario molto bello da percorrere è quello che partendo da Santa Maria di Leuca si spinge fino ad Otranto. Tale tratto di litorale è particolarmente suggestivo per i panorami che offre e per le fantastiche calette che si possono scoprire lungo il percorso.

Raggiunta Santa Maria di Leuca scelta come base di partenza ci si dirige all’estremo punto della penisola salentina, Punta Ristola, da dove si possono ammirare contemporaneamente i due mari, Adriatico e Ionio che si incontrano e si fondono. Riprendendo il cammino verso nord le prime interessanti località che si incontrano sono Tricase, dove ci si può fermare a contemplare la Serra, una piscina naturale formata dalle acque del mare, e, passando per Ponte Ciolo, arriviamo a Marina di Novaglie con le belle scogliere a picco sul mare, ed alle altre belle località di Marina di Serra, Andrano e Marina Marittima.

panora

panorama del Salento

Arrivati a Castro siamo in una delle più conosciute tra le località balneari e turistiche del Salento, grazie allo splendido mare ed alle attrattive naturali che questo tratto di costa offre ai visitatori, tra cui il bel gruppo di grotte, tra cui forse la più famosa di tutte è la Zinzulusa.

Dopo una sosta per ammirare la torre medievale ancora in buono stato conservativo di Torre Miggiano si prosegue per Santa Cesarea Terme, dove si viene presi dal desiderio di approfittare delle acque curative del famoso stabilimento termale, ricche di minerali preziosi per la salute ed il benessere, e dalla temperatura gradevolmente tiepida. Se non ci si può fermare il viaggio prosegue fino a Porto Badisco, nelle cui vicinanze un’altra importante grotta fa la gioia dei visitatori, Grotta dei Cervi, e da cui si raggiunge facilmente la grande spiaggia di Torre S. Emiliano, dalla bella baia di sabbia bianca.

Doppiata Punta Palascia e lasciateci alle spalle Orte e Torre del Serpe si giunge alla splendida Otranto, dove finisce la nostra escursione nel bel centro storico cittadino o ad ammirare il tramonto sul bellissimo lungomare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *