Spettacolo di danza contemporanea, Sì viaggiare

Sarà Punta Meliso, la location dell’attesissimo spettacolo di danza contemporanea “Si, Viaggiare”. L’affascinante promontorio Japigio, conosciuto anche come Piazza del Santuario di Santa Maria Di Leuca, a partire dalle 21.30 farà da cornice naturale  a questo nuovo modo di fare spettacolo: in un periodo di grande progresso scientifico, in cui i miglioramenti dei mezzi di trasporto e la moderna tecnologia hanno forgiato una nuova passione per le culture distanti, una nuova tradizione di danza è nata, quella contemporanea, e viene portata in scena a Santa Maria di Leuca.

Sullo sperone roccioso che si protende verso i mari  la  *Melk Prod., compagnia diretta da Marco Berrettini, porterà in scena lo spettacolo di danza contemporanea “Sì, Viaggiare!” il 23 e il 24 agosto 2012, con eccellenti danzatori che si sono staccati dal balletto tradizionale per creare stili personali ed espressivi di danza, usando movimenti spontanei basati su improvvisazione, e hanno coreografato questo balletto più strettamente collegato alla vita di tutti i giorni e all’espressione immediata delle emozioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

La trama dello spettacolo è estremamente attuale: la nascita della rete Internet e il conseguente sviluppo di canali, forme e scenari di comunicazione fra gli individui attraverso il  computer, hanno messo studiosi di aree diverse di fronte alla necessità   di analizzare queste nuove tecnologie, sulla struttura e sulle dinamiche delle  interazioni fra esseri umani.
In un mondo pervaso dai mezzi di comunicazione, il pubblico di Santa Maria di Leuca comprenderà che sembra impossibile incontrare fisicamente qualcun altro: è questo il punto di partenza dell’esplorazione coreografica di Berrettini che  presenta questo paradosso della contemporaneità. La  comunicazione del web chiama l’individuo all’azione, alle aspettative e agli investimenti personali che spesso evocano un annientamento della sfera sociale che gli sta intorno. Nella comunicazione virtuale anche il suono della parola prende diverse  dimensioni espressive.
Con una favola intima e allo stesso tempo con una critica visione della realtà, dove l’incontro con l’altro è vissuto come trasgressione, Berrettini presenta questo spettacolo della durata di 1 ora e 45 minuti.
Santa Maria di Leuca sarà una perfetta cornice per questo spettacolo sulle identità virtuali nell’epoca di internet, che vede come interpreti oltre allo stesso Berrettini, anche Jean-Paul Bourel, Sébastien Chatellier, Laëtitia Dosch, Bruno Faucher, Katy Hernan, Vanessa Le Mat, Antonio Pedro Lopes e Samuel Pajand.

Marco Berrettini, coreografo italo-tedesco e campione nazionale di disco-dance, si è formato come danzatore alla London School of Contemporary Dance e alla Folkwangschulen di Essen. Ha danzato in una compagnia jazz, in un corpo di balletto classico e nelle compagnie di danza contemporanea di Georges Appaix, François Verret, Noémie Lapsezon. Quello che si vedrà dunque all’interno di “Si, viaggiare” è il risultato di queste sue molteplici e formative esperienze.
Nel 1986 fondò la compagnia Tanzplantation, ribattezzata nel 2000 *Melk Prod., con cui ha all’attivo più di venti creazioni, tra le quali spicca “Si, viaggiare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *