Festa della Madonna del Ponte

La Festa Madonna del Ponte ad Acquarica del Capo, si svolge l’8 settembre 2012, ed è  legata alla piccola cappella fuori le mura in cui si conserva la bellissima statua lignea di Maria Bambina del 1759, che si salvò da un’alluvione.
Una lunga giornata di apprensione ad Acquarica del Capo, venne vissuta in quel settembre, una giornata piena di timori che si concentravano sulla cittadina e sulla piccola cappella in pericolo, tanto cara agli abitanti: pioggia continua e forti raffiche di vento imperversavano anche verso il confine delle campagne di Santa Maria di Leuca, distante solo 19 Km, senza tregua, con forti scrosci e violente mareggiate e nuclei temporaleschi.
Secondo la leggenda, le campane della cappella allontanano i temporali, e la statua di Maria Bambina si salvò.

La cappella della Madonna del Ponte fu edificata a partire dal 1901 e inaugurata il 31 maggio 1924, per la gioia di tutti i fedeli di Acquarica del capo. Grazie alla grande devozione, si era inizialmente pensato ad un’opera di grandi dimensioni, ma l’assenza di fondi indusse a ridimensionare il progetto che si ridusse ad un’unica navata.
E’ qui che l’8 settembre di ogni anno i fedeli si riuniscono in preghiera in ricordo del miracolo avvenuto: la semplice facciata della costruzione, e i 4 altari interni fanno di questa cappella un luogo raccolto e mistico, dove venerare la Madonna del Ponte.
Nel 1984 la campana della Cappella della Madonna del Ponte è stata trasferita nella Cappella della Madonna dei Panetti, una bella costruzione che risale al secolo XI.
Una suggestiva statua della Madonna, mostra i piedi nudi avvolti semplicemente in sandali, semicoperti dal lungo abito candido arricchito da pieghettature e da una cintura in oro; il manto azzurro costellato di stella, ha una fattura particolare perchè pare sospinto da una leggera brezza, a ricordo del nubifragio. La mano destra si apre verso il popolo, con la mano sinistra invece sul cuore. La cosa più suggestiva appare la corona di 12 stelle che cinge il capo della Madonna del Ponte, richiamando i 12 Privilegi, come la predestinazione, la conformità al volere di Dio, la santità, l’annunciazione.

 

 
 

 

 

Alla festa della Madonna del Ponte, è affiancata una magnifica fiera, alla quale accorrono persone da ogni dove: soprattutto da Santa Maria di Leuca, così vicina, numerosi turisti ancora presenti visitano la bella fiera, dopo aver assistito alle celebrazioni religiose in onore della Madonna del Ponte. La fiera è caratterizzata soprattutto da prodotti d’artigianato tipico salentino: gli abitanti di Acquarica sono conosciuti come “Spurtari” cioè costruttori di canestri di giunco. La produzione di questi cesti derivava dalla pianta del giunco che cresceva nelle un tempo paludi attorno a Santa Maria di Leuca.
Una volta raccolti questi giunchi venivano sottoposti a due trattamenti: la bollitura e la zolfatura, che davano elasticità indispensabile per la lavorazione e l’intreccio.

Assoluta novità del 2012, in occasione della Festa della Madonna del Ponte, sul palco appositamente allestito si esibiranno gli Agapò, gruppo originario di Presicce, in Salento, nato nel 2009 dall’incontro di giovani musicisti. Agapò è un parola che deriva dal griko, il dialetto greco parlato in alcune zone del Salento, esignifica “Amore”.
È proprio questo sentimento,di amore e riconoscenza verso la propria terra che ha spinto questi ragazzi ad iniziare un percorso musicale complesso.
Eugenio Micello e Francesco Pedaci, sono tamburello e voce del gruppo; Katia Schirinzi si esibisce con la sua splendida voce e le nacchere; Alberto Cazzato suonerà flauto, clarinetto, e armonica a bocca; Donato Casciaro si esibisce alla fisarmonica; infine Vito Vitali e Rossella Distante accompagneranno il tutto col suono della chitarra.
La pizzica pizzica è il genere musicale punto di forza del gruppo, anche se l’obiettivo ultimo è quello di far conoscere la musica popolare ai giovani del Basso Salento, perché saranno questi che potranno mantenere viva la tradizione.

Riscoprire le proprie tradizioni per la gente di Acquarica, è importante anno dopo anno, a partire dalle celebrazioni religiose per terminare con i suoni antichi.
Riproporre danze tradizionali non significa riproporre uno spettacolo scritto tanti anni fa dagli antenati, ma creare ogni volta uno spettacolo nuovo che partendo dalle musiche tradizionali scriva una pagina nuova; analogamente, rinnovare la fede attraverso i ricordi di miti e leggende, risveglia il senso religioso dove la Madonna del Ponte spande la Sua benedizione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *